Sergio Iacomoni

Sergio Iacomoni alias NERONE, già Fondatore e Presidente del Gruppo Storico Romano ed ora del MOVIMENTO STORICO ROMANO - LISTA NERONE per il quale mi candido a Sindaco di ROMA, Mortaista Pesante del 76' Reggimento Fanteria dell'Esercito della Repubblica Italiana, sono semplicemente un Padre di 4 figli, un Nonno di 2 nipoti, e per loro voglio vedere RISORGERE ROMA,

 in questa vita, adesso! il 26 dicembre dell'Anno 2705 AB URBE CONDITA (1952 dopo la Nascita di Gesù Cristo) in una famiglia romano-etrusca di falegnami liutai ed ebanisti, per la precisione nella residenza estiva dei miei a Fabrica di ROMA.

Gli auspici sono dunque sotto il segno del CAPRICORNO.

Studio discipline artistiche: scultura, plastica, scenografia.

Chiudo i miei studi con un attestato in scenotecnica.

Apro con mio padre una falegnameria e la mantengo per 15 anni. Contemporaneamente svolgo attività di venditore prima, e dirigente locale poi, per la AMC (Alfa Metalcraft Corporation).

Nel 1980 partecipo alla M.O.B.I. (Mostra Brevetti Invenzioni) presentando nuove applicazioni (Pannello attira-clienti, Nuovo sistema di segnalazioni luminose per veicoli, etc. etc.) e una invenzione: Carrello per ruota bucata (che trae ispirazione dallo studio delle quadrighe).

Partecipo per 8 anni alla Mostra dei presepi di Roma e realizzo presepi artistici presso chiese e presso la Banca d’Italia, di cui divento dipendente nel 1983 rimanendovi per ben 21 anni.

Nel 1982 collaboro con la Società Italiana Lavori all'Estero quale Responsabile Tecnico per la costruzione dell'Hotel Sheraton di Bagdad (Irak). Nello stesso anno mi ritiro dall'Irak a seguito dei bombardamenti iraniani.

Nel 1988 fondo l'Associazione culturale 'Ci divertiamo'.

Nel 1994 fondo l'associazione culturale e di rievocazione storica "Gruppo Storico Romano" assumendone la Presidenza fino al 2021 e ri-assumendo l'appellativo di "Nerone" già attribuitomi in adolescenza, appellativo che negli anni, con l'uso quotidiano in ambito pubblico e associativo, finirà col soppiantare di fatto le mie generalità ufficiali.

Dal 1994 al 2019 organizzo a Roma col GSR le seguenti manifestazioni: Battaglia di Ponte Milvio e Mostra del legionario romano con riapertura al pubblico della Torre del Valadier, Idi di marzo a Largo Argentina, Parata Trionfale militare e civile del 21 aprile ai Fori Imperiali, Ludus Magnus al Circo Massimo, Cerimonia delle galline bianche alla Villa di Livia in Piazza Saxa Rubra, La notte dei gladiatori a Sutri, Ostia Antica e a Villa Adriana nell'ambito del Festival Euro-Mediterraneo, Sfida di Orazi e Curiazi ad Albano laziale, Riaccensione del fuoco sacro delle Vestali al Tempio di Vesta, Evento SPQR - La Roma di ieri nella Roma di oggi, Partecipazione alla Festa de' Noantri e a Tevere Expo.

Nel 2000 col GSR ho realizzato presso la sede permanente in Via Appia Antica 18 il Museo Storico del Legionario Romano, patrocinato dal Comune di Roma e premiato con una Medaglia del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

Nel 2010 Celebrazione del Pellegrinaggio "Fiaccola di Lolek" Roma-Cracovia istituita in memoria di Papa Giovanni Paolo II ed accesa presso la sua tomba.

Il 27 ottobre 2012, per la Ricorrenza dei 1700 anni dalla Battaglia di Ponte Milvio - In Hoc Signo Vinces, presso la Città del Vaticano col GSR ricevo il Premio Sapientia Mundi alla presenza del Cardinale Ivan Dias e il giorno seguente, nella Piana di Saxa Rubra, la legione del GSR si esibisce con altre legioni alla presenza di Alberto Angela.  

Dopo numerose altre manifestazioni in Italia e nel mondo e memorabili spettacoli rievocativi e teatrali, nel 2018 fondo il gruppo musicale Histriones”, cimentandomi nella composizione ed esecuzione alla cetra, ai flauti ed alle percussioni di musiche originali ispirate all'antica Roma sulla base di studi storici comparatistici e figurativi, realizzando un disco.

Promuovo e rilancio la festività del Natale di Roma, facendola diventare uno dei dieci eventi aggregativi primaverili più importanti a livello mondiale, invitando più di 50 associazioni di rievocazione italiane ed europee, e perfino dall'Oceania, raggiungendo, nella edizione dell'anno 2018, il picco di 300.000 spettatori secondo dati comunicatici dalla Questura di Roma. Per tale Manifestazione ho ricevuto, col GSR, 7 medaglie della Presidenza della Repubblica (Presidenti Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano) e sono stato onorato con la concessione dell’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo (Presidente Tajani).

Con il GSR ho conquistato (e sono stato conquistato da...) le seguenti Nazioni (con solo le armi pacifiche del cuore e dell'arte di Roma allestendo spettacoli e rievocazioni storiche): Stati Uniti d'America, Federazione Russa, Repubblica Popolare Cinese, Regno Unito, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Romania, Spagna, Svizzera.

Per questo motivo ho fatto coniare la moneta commemorativa NERO AM. (Americano), RU. (Russo), CHI. (Cinese), ENG. (Anglo-Sassone-Normanno-Britannico), BE. (Belgico), TR. (Tracico-Bulgaro), CU. (Cipriota), SL. (Slavo-Croato), IU. (Iuto-Danese), FR. (Franco-Gallico), GER (Germanico), DAC. (Romeno-Dacico), HISP. (Ispanico), HELV (Helvetico-Svizzero).

Nei miei viaggi ho incontrato Capi di Stato e di Governo, ministri, sindaci, assessori, soprintendenti di ogni Nazione.

Per 3 anni, dal 2007 al 2010, partecipo a diverse Latin Conferences e mi reco in molte High Schools degli U.S.A. intrattenendo numerosissimi studenti con conferenze dedicate alla storia di Roma.

Partecipo, insieme al GSR, alle seguenti trasmissioni sui canali TV: RAI, (Uno Mattina, La Vita in Diretta, I fatti Vostri, Fantastico, Geo & Geo), MEDIASET (Rete 4: Quarto Grado; Italia Uno: Freedom; Canale Focus: Cesare e Nerone, Spartaco). Collaboro col GSR alla realizzazione di documentari con ARD, RTF, NHK, FRANCE2, TELEVISA, JAPAN TV, CCTV, History Channel, ABC, NBC, BBC, CNN, National Geographic, etc. etc.  

Nel dicembre 2020 fondo il Movimento Storico Romano - Lista Nerone, accogliendo le pressanti richieste dei sostenitori e simpatizzanti, oltremodo allarmati per il degrado di Roma e l'infangamento dei suoi Labari, per una scesa nell'agone elettorale alla conquista democratica del Campidoglio.